Violenza sessuale nei confronti della ex: condannato

Il giudice Caparco ha inflitto 4 anni per i maltrattamenti e gli abusi

La decisione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere

Quattro anni di reclusione. E' stata questa la condanna emessa dal giudice Caparco del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di un casertano accusato di maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti della ex moglie.

Il dispositivo di condanna è arrivato nella mattinata di oggi dopo che nella giornata di ieri il giudice si era riservato la decisione all'esito della camera di consiglio. Il Tribunale ha accolto in pieno le richieste del pubblico ministero Occhionero che nel corso della sua requisitoria aveva invocato quattro anni di reclusione. Il giudice ha anche condannato l'uomo al risarcimento dei danni in favore della vittima. 

I fatti di cui al processo portarono nel 2011 alla denuncia da parte della donna esausta per le continue violenze e vessazioni subite dal coniuge. Una vita di botte, minacce, soprusi ed insulti che non riuscì a reggere fino a presentarsi dai carabinieri che immediatamente si attivarono. Alla denuncia seguì l'applicazione della misura dell'allontanamento dal tetto coniugale da parte della Procura che in questo modo evitò, tempestivamente, che la situazione potesse degenerare. Escussa dal pm, poi, la donna ha anche denunciato un presunto abuso sessuale subito dopo la separazione.

La vittima si è costituita parte civile con l'avvocato Angelo Trombetti mentre il difensore dell'imputato era Toraldo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento