rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

"Sono un delinquente ma non uno stupratore"

Consolazio si sfoga in aula contro la ex: "Non l'ho mai toccata, mi interessa solo di mia figlia"

Maltrattamenti e violenza sessuale. Nella giornata di ieri dinanzi al giudice Carotenuto c'è stato il confronto tra la presunta vittima ed un testimone della difesa nel processo che vede alla sbarra il 34enne di Santa Maria Capua Vetere Gabriele Conzolazio.

Un'udienza tesa in cui la donna ha spiegato dei maltrattamenti subiti in casa di Consolazio, dove viveva insieme ai familiari dell'imputato, denunciati nel 2009 con un'integrazione della denuncia due anni più tardi in cui avrebbe parlato anche di violenze di tipo sessuale. "Avevo paura - ha detto davanti al giudice - Per questo l'ho detto due anni più tardi". Tesi opposta a quella dell'altro teste, V.R, con cui la donna avrebbe intrattenuto una relazione.

Al termine del confronto è stato lo stesso Consolazio a parlare in aula. "Sono un delinquente - ha detto - ma non uno stupratore. Lei viveva a casa dei miei genitori mentre io ero andato via di casa perché avevo iniziato una relazione con una donna colombiana. Non l'ho mai toccata, l'unica volta che l'ho fatto ci ho fatto una figlia. Inoltre nel periodo in cui sarebbero avvenute queste violenze ero anche ai domiciliari al piano di sopra e c'erano forze dell'ordine che andavano e venivano ogni giorno. Si sarebbe potuta rivolgere a loro. A me interessa solo di mia figlia". Consolazio è difeso dall'avvocato Gaetano D'Orso. Il processo è stato poi rinviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono un delinquente ma non uno stupratore"

CasertaNews è in caricamento