Minaccia moglie e genitori, blitz della polizia durante la rissa in famiglia

Gli agenti hanno arrestato un 34enne trovato in possesso di una pistola detenuta abusivamente

Nella tarda serata di sabato 8 dicembre, personale del Commissariato di Polizia di Statodi Marcianise ha arrestato in flagranza di reato per detenzione abusiva di arma comune da sparo e maltrattamenti in famiglia A.B.D., 34 anni. In particolare alcuni passanti segnalavano all’equipaggio della Volante, mentre transitava in una via del centro a Marcianise, che era in corso una violenta lite all’interno di un’abitazione. Immediatamente gli agenti raggiungevano l’appartamento, constatando la presenza del giovane in evidente stato di agitazione il quale inveiva animatamente contro i propri genitori, ai quali rivolgeva improperi e minacce.

Ristabilita la calma, gli agenti accertavano che l’aggressione era in realtà il culmine di atteggiamenti violenti che l’uomo, operaio in una fabbrica a Firenze da cui rientrava ogni fine settimana, aveva assunto nei confronti dei suoi familiari già da diversi giorni, al punto che la moglie ed i loro tre figli minori erano stati costretti ad allontanarsi, trovando ospitalità presso l’abitazione di parenti.

Nella circostanza, verificato che A.B.D. annoverava precedenti per maltrattamenti in famiglia, gli agenti consultavano la donna la quale confermava i continui soprusi, fisici e psicologici, che subiva da tempo, riconducibili all’abuso di stupefacenti, aggiungendo che nei giorni precedenti l’uomo aveva anche minacciato di spararle se non fosse andata via di casa.

Sulla scorta delle dichiarazioni delle vittime, quindi, veniva effettuata una perquisizione domiciliare che portava al rinvenimento ed al sequestro di una pistola semiautomatica, Beretta cal. 7.65 munita di quattro cartucce e pronta all’uso.

Pertanto A.B.D. veniva arrestato per detenzione abusiva dell’arma e per maltrattamenti in famiglia e, quindi, tradotto presso la casa circondariale di San Tammaro. In sede di convalida, il gip presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere applicava nei confronti dell’indagato la misura cautelare del divieto di dimora a Marcianise.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento