Terrore in stazione, lite finisce nel sangue: uno in coma, l’altro rischia di perdere l'occhio

Due ragazzi di 28 e 24 anni protagonisti della violenta aggressione

Una lite scatenata da motivi che, per ora, non si conoscono, ma che hanno provocato conseguenze gravissime: un ragazzo ricoverato in coma e l’altro in condizioni gravi, che rischia di perdere un occhio. Scene drammatiche quelle che si sono vissute questa notte alla stazione ferroviaria di Aversa dove carabinieri e polizia sono intervenuti dopo la segnalazione di alcuni passanti che avevano visto due ragazzi litigare in maniera violenta. Ma la scena che si sono trovate davanti le forze dell’ordine era agghiacciante: la lite, infatti, era già sfociata nel sangue. I due si erano colpiti con delle bottiglie rotte e le conseguenze sono state gravissime. I protagonisti della vicenda hanno 24 e 28 anni e sono entrambi nigeriani, regolari sul territorio, anche se con qualche piccolo precedente. “Si stavano uccidendo” ha sottolineato una persona che li ha visti litigare. Una furia cieca che ha avuto conseguenze gravissime: uno dei litiganti, infatti, dopo essere stato caricato in ambulanza e portato al Pronto soccorso, è stato ricoverato in coma; l’altro ha una ferita molto grave all’occhio ed i medici stanno valutando un’operazione. Le indagini sono affidate ai carabinieri di Aversa che dovranno ricostruire l’accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento