CAMORRA Tornano liberi gli imprenditori 'soci' di Zagaria

I fratelli Diana erano stati arrestati per concorso esterno in associazione camorristica

I fratelli Antonio e Nicola Diana

Dopo quattro mesi e mezzo agli arresti domiciliari, sono tornati in libertà, su decisione della Cassazione, i fratelli Antonio e Nicola Diana, imprenditori 'testimonial dell'Antimafia' arrestati lo scorso gennaio per concorso esterno in associazione camorristica. I Diana, originari di Casapesenna, gestiscono un gruppo imprenditoriale che opera in vari settori, tra cui la società Erreplast.  

Secondo alcuni pentiti, riporta l’Adnkronos, avrebbero pagato per anni il pizzo al clan dei Casalesi giustificando poi le dazioni di danaro come estorsioni, denunciate solo di recente. I Diana avevano creato anche una Fondazione anti-clan intitolata al padre Mario, ucciso 30 anni fa dalla camorra e ritenuto vittima innocente. Con loro fu arrestato anche uno zio anziano, già scarcerato in precedenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stessa operazione furono sequestrate 17 società alcune delle quali dissequestrate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

Torna su
CasertaNews è in caricamento