Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Lusciano

Nuovi parcheggi e strada per 'favorire' i bar, scatta la denuncia alla Procura

L'esposto dei consiglieri comunali di opposizione: "Non è che si è voluto agevolare le due nuove attività commerciali"

Nuovi parcheggi e strada chiusa per 'favorire' i bar, scatta la denuncia alla Procura. Accade a Lusciano dove i consiglieri comunali di opposizione Dominga Inviti, Marco Valentino, Renato Mottola, Benito Mottola, Luciano Palmiero e Raffaele Esposito, hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica Tribunale di Napoli Nord e per conoscenza anche al Ministero dell'Interno, all'Anac, alla Prefettura di Caserta, alla Corte dei Conti e alla stazione dei carabinieri di Lusciano.

Nella denuncia si fa presente che "nella precedente legislatura si sono ottenuti fondi Pnrr per 5 milioni di euro e tra questi c'erano 460mila euro per la rigenerazione urbana dell'area attrezzata con impianti sportivi". 

Il progetto (tra viale Olimpico e via Don Peppe Diana, nei pressi della villa comunale) prevedeva la realizzazione di un campo di calcio a 5 in erba artificiale, un campo polifunzionale da basket e pallavolo con attrezzature adeguate alle persone diversamente abili e la realizzazione di una pista ciclabile e per il pattinaggio. Nell'iter si prevedevano inoltre interventi per i disabili per ottenere - chiaramente - anche dei punteggi migliori e per vedere finanziata l'opera. 

Solo che "ad inizio febbraio - denunciano i consiglieri - abbiamo capito che gli interventi non erano conformi al progetto approvato" perché "si stava realizzando un'area adibita a parcheggio assolutamente non prevista in quel progetto anche perché nella zona ci sono centinaia di stalli per le auto". 

La cosa più grave è che "il parcheggio 'negava' la possibilità di realizzare le attrezzature per i diversamente abili e la pista ciclabile/pattinaggio".

I consiglieri nella denunciano sottolineano anche la richiesta di atti presentata in Municipio dalla quale emerge che "si parla di integrazioni quando invece c'è una modifica sostanziale del progetto iniziale" e "non risulta alcuna comunicazione al Ministero dell'Interno". 

E quindi la 'stoccata' anche nella denuncia: "Nella zona sono state aperte da alcuni mesi due nuove attività commerciali, non è che si sia voluto favorire il proprietario dell'immobile ed indirettamente le attività commerciali?". Nella querela si sottolinea inoltre la richiesta di "sequestro" per la verifica degli atti e la "punizione" di eventuali "colpevoli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi parcheggi e strada per 'favorire' i bar, scatta la denuncia alla Procura
CasertaNews è in caricamento