Latte dei Casalesi, Riesame bis per il manager Parmalat

Fissata l’udienza dopo l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare da parte della Cassazione

Il nipote del boss Michele Zagaria, Filippo Capaldo

Il manager della Parmalat non avrebbe fornito alcun contributo al clan dei Casalesi. E' questa la motivazione con cui la Corte di Cassazione ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare, disponendo un nuovo Riesame, per Antonio Santoro, 54enne di Casagiove.

Secondo la Suprema Corte, che ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Nello Sgambato ed Angelo Raucci, i giudici del Riesame, che avevano confermato il provvedimento cautelare spiccato dal gip, non hanno chiarito come gli elementi probatori raccolti (prevalentemente intercettazioni) costituissero un valido indicatore del concorso esterno in associazione mafiosa. Addirittura, manca una riflessione sulla consapevolezza e la volontà di Santoro a contribuire "al mantenimento del clan dei Casalesi" del business della distribuzione dei prodotti Parmalat (l’azienda non è coinvolta nella vicenda nda). Adesso la palla torna ai giudici napoletani, con una nuova udienza al Riesame fissata per la fine della prossima settimana, che dovranno entrare nuovamente nel merito.

Secondo la Dda Santoro - per il quale è in corso il processo insieme a Filippo e Nicola Capaldo, nipoti del boss Michele Zagaria, e l'imprenditore stabiese Adolfo Greco - si sarebbe adoperato per far revocare la concessione per la distribuzione dei prodotti a marchio Parmalat in diversi comuni del casertano alla Euromilk dei Capaldo, dopo il provvedimento di confisca emesso dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere, e far assegnare tale concessione alla società cooperativa Santa Maria (poi divenuta una srl su suggerimento di Greco) intestata a prestanome e sempre riconducibile al gruppo Zagaria. In questo modo avrebbe consentito alla famiglia Capaldo di "riaffermarsi sul territorio distribuendo i prodotti Parmalat e consentendo alla società di riappropriarsi della distribuzione dei prodotti su quei territori, a discapito della concorrenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento