rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Quartiere Acquaviva

Tre ladri d'auto arrestati dopo folle inseguimento a cavallo tra due comuni

I carabinieri li hanno sorpresi in via Acquaviva a Caserta: durante la fuga lanciano oggetti contro la gazzella. Nei guai anche un minorenne

Tre ladri di auto sono stati arrestati dai carabinieri in via Acquaviva a Caserta. In manette un 18enne, un 19enne e un 21enne, tutti di Caivano. Denunciato anche un minorenne che era con loro. 

Intorno alle 4 di notte, una pattuglia del radiomobile della compagnia di Caserta nota una Fiat Panda beige, con a bordo 4 persone con felpe scure con cappuccio, muoversi a fari spenti in via Acquavia. L'auto si avvicina ai veicoli lasciati in sosta sul margine della carreggiata. Un atteggiamento che insospettisce i carabinieri che accendono i lampeggianti e intervengono per procedere al controllo. 

I militari si avvicinano all'utilitaria ma il conducente, ignorando l'alt, riparte a forte velocità. Imbocca via Tevere, poi fa un'inversione a U e si lancia in una folle corsa contromano in via Acquaviva per provare la fuga. L'auto da via Vivaldi si dirige verso Recale. Durante l’inseguimento i 4 a bordo della Panda lanciano dai finestrini oggetti contro la gazzella dei carabinieri.

Il tentativo di far desistere i militari dall'inseguirli non ha, però, l’effetto sperato tant'è che, giunti in via Paolo VI a Recale, vengono bloccati e tratti in arresto. All'interno dell'auto, presa a noleggio, i militari dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato una centralina per decodificare allarmi e arnesi da scasso. Gli arrestati, uno dei quali (il 21enne) sottoposto all’obbligo di dimora, verranno giudicati con rito direttissimo.

Tra gli occupanti la Fiat Panda anche un 17enne, anche lui di Caivano, denunciato in stato di libertà, sulla cui persona i carabinieri hanno, tra l’altro, rinvenuto e sequestrato anche pochi grammi di hashish.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre ladri d'auto arrestati dopo folle inseguimento a cavallo tra due comuni

CasertaNews è in caricamento