rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Mondragone

Il boss La Torre sotto processo per le frasi contro giornalista

Dovrà comparire a febbraio davanti al giudice monocratico

E' stato rinviato a giudizio Augusto La Torre per diffamazione a mezzo stampa commessa ai danni di un giornalista casertano Giuseppe Tallino, 29 anni, che lavora presso il quotidiano 'Cronache di Caserta'. La Torre dovrà comparire il 26 febbraio prossimo davanti al giudice monocratico del Tribunale di Napoli. Tallino era stato definito «pseudo-giornalista» da La Torre, nel corso di un'intervista resa dal boss nel giugno 2018 ad un sito casertano. La Torre, definito il boss psicologo per aver preso la laurea in carcere, è detenuto dal 1996 dopo aver guidato con mano sanguinaria l'omonimo clan operante nel comune del litorale casertano di Mondragone, in sintonia ma spesso anche in disaccordo con i potenti Casalesi; autoaccusatosi di una cinquantina di omicidi, è divenuto anche collaboratore di giustizia salvo poi essere in sostanza «scaricato» dall'autorità giudiziaria, che ha definito la sua collaborazione riduttiva. Nel corso dell'intervista La Torre se l'è presa con i pm accusati di accanimento investigativo nei suoi confronti o di mala gestione dei pentiti a suo danno, e con il giovane cronista che lavora al quotidiano «Cronache di Caserta», e che con coraggio si è occupato proprio del boss; Tallino, definito anche «lecchino che non solo scrive menzogne, ma non legge gli atti processuali», lo ha però querelato. Il boss ha attaccato tutti coloro che a suo dire vogliono tenerlo in carcere. È peraltro in corso al Tribunale di Isernia un contenzioso sul cumulo di pene per le tante condanne ricevute da La Torre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boss La Torre sotto processo per le frasi contro giornalista

CasertaNews è in caricamento