"Stop all'isolamento diurno per Zagaria per motivi di salute"

La richiesta avanzata dagli avvocati del capoclan dei Casalesi

Il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria

Venerdì al tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dinanzi alla prima sezione,  presidente Giovanni Caparco,  è stato discusso "l'incidente di esecuzione pena" per il capoclan dei Casalesi, Michele Zagaria, detenuto a regime di 41 bis nel carcere di Tolmezzo (Udine) e in isolamento diurno. Lo riporta l’AdnKronos. Gli avvocati difensori del boss Paolo Di Furia del foro di Santa Maria Capua Vetere e Piera Farina del foro de L'Aquila, hanno chiesto la sospensione del regime dell'isolamento diurno per motivi di salute. Il giudice sulla richiesta si è riservato.

La vicenda procedurale  è molto complessa, infatti, il magistrato di sorveglianza di Udine a seguito della richiesta dei difensori si era dichiarato incompetente in questa richiesta.

Invece di tutt'altro parere è la difesa che ha sostenuto  "il magistrato  di Udine si è dichiarato incompetente illegittimamente e il tribunale di Santa Maria Capua Vetere non ha alcun tipo di competenza sul differimento pena per motivi di salute".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • 11 ARRESTI Spaccio di coca col 'permesso' dei Casalesi, sgominate le bande

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

Torna su
CasertaNews è in caricamento