rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca Maddaloni

Investito in bici e lasciato ferito a terra, il giudice assolve figlia dello storico pasticciere

Il pm aveva chiesto 8 mesi di reclusione e la sospensione della patente per 2 anni

Assolta per non aver commesso il fatto. È stata questa la pronuncia del giudice monocratico Raffaele Ferraro del tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti della figlia 29enne del titolare di una storica pasticceria di Maddaloni finita sotto processo per omissione di soccorso stradale e lesioni personali colpose.

Secondo quanto accertato dalla Procura sammaritana la ragazza nel gennaio 2018 mentre si trovava alla guida di una FIAT Panda a San Prisco mentre percorreva via Petrarca all'intersezione con via Torino dopo un sorpasso azzardato investí un uomo in bicicletta. Lo lasciò ferito sull'asfalto e gli provocò delle lesioni agli arti superiori,anca e ginocchio sinistro, lato dell'impatto. Il legale della 29enne, l'avvocato Alessandro Cassandra ha fatto emergere quanto le dichiarazioni dell'imputata fossero inutilizzabili. Non avendo la riferibilità della conducente del veicolo il giudice monocratico ha pronunciato formula assolutoria. Il pm aveva chiesto 8 mesi di reclusione e la sospensione della patente per 2 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investito in bici e lasciato ferito a terra, il giudice assolve figlia dello storico pasticciere

CasertaNews è in caricamento