Tragedia in stazione, i testimoni: "Abbiamo sentito un grido secco poco dopo l'annuncio dell'arrivo del treno"

Forse una distrazione dietro l'incidente che è costato la vita ad una donna di 40 anni

L'ambulanza alla stazione di Recale

Un grido secco, poi il silenzio. E' la drammatica sequenza sonora dell'investimento di una donna di 40 anni di San Prisco avvenuto nel pomeriggio alla stazione di Recale. 

Una tragedia che ha scosso nuovamente la comunità recalese che ripiomba nell'incubo degli incidenti ferroviari, tre negli ultimi 3 anni di cui due con esito mortale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il treno ha fischiato a lungo ed abbiamo sentito anche l'altoparlante che annunciava il transito - riferiscono alcuni testimoni che si trovavano nei pressi della stazione al momento dell'incidente - Forse era distratta non sappiamo. Abbiamo sentito un grido e poi più nulla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lieve aumento dei contagi nel casertano: ecco i comuni più colpiti della seconda ondata

  • Scuole, il 24 e 25 settembre sarà sciopero: si teme nuovo rinvio dell'apertura

  • I contagi aumentano ancora. Caserta supera Aversa: è la città con più positivi

  • Terremoto a 24 ore dalle elezioni. Candidato sindaco indagato per voto di scambio: "Accuse da mitomani"

  • Record di nuovi contagi nel casertano: mai così tanti in un giorno

  • Nuovo boom di contagi nel casertano, ma crescono anche i guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento