Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Casal di Principe

Infiltrazioni dei Casalesi nei rifiuti in Veneto: interdittiva per una società

Il prefetto Caccamo ha emesso il provvedimento dopo l'indagine del Gia: "Rischio di contaminazione mafiosa"

La piovra dei Casalesi allunga i propri tentacoli fino alla provincia di Vicenza. Il prefetto Salvatore Caccamo, nella giornata di venerdì, ha firmato un'interdittiva antimafia nei confronti di una società, con sede legale nel capoluogo veneto, operante nel settore della raccolta e smaltimento di rifiuti e che sarebbe collegata con la criminalità organizzata della provincia di Caserta. 

Il provvedimento è stato emesso dopo un’indagine del Gruppo Interforze Antimafia (GIA), coordinato dalla prefettura e del quale fanno parte componenti della questura, dell’Arma dei carabinieri, della guardia di finanza, della direzione investigativa antimafia e dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro.

Il Gia ha accertato l’esistenza di un effettivo rischio di contaminazione mafiosa attraverso la contiguità con elementi appartenenti a sodalizi criminali della Campania. La sussistenza del rischio di infiltrazione e/o condizionamento nell’esercizio dell’attività dell’impresa interdetta è stata rinvenuta in un ampio quadro di insieme che ha tenuto conto di più fattori, come il territorio di riferimento, nello specifico quello campano e quello della provincia di Caserta, oltre al settore economico della raccolta e smaltimento di rifiuti, individuato come ad alto rischio di infiltrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infiltrazioni dei Casalesi nei rifiuti in Veneto: interdittiva per una società
CasertaNews è in caricamento