rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Aversa

Infermiere picchiato, il sindacato: "Servono misure urgenti per tutelare il personale"

Appello di Uil Fpl al direttore generale dell'Asl e alle istituzioni: "Intervengano per contrastare la violenza"

Quanto accaduto al pronto soccorso dell'ospedale "Moscati" di Aversa ha riportato alla ribalta la questione relativa alla sicurezza del personale infermieristico. L'aggressione subita da un infermiere nella serata di martedì 14 giugno ha scatenato la denuncia da parte dell'Uil Fpl di Caserta. "Nell’esprimere piena vicinanza e solidarietà all’infermiere vittima di questa vile aggressione - si legge nella nota diramata dal sindacato - condanna pubblicamente tali comportamenti e ribadisce l’inaudita e intollerabile gravità di tale episodio. Questa organizzazione sindacale mette in evidenzia come la raccomandazione del ministero della Salute, le circolari ministeriali e ancor più la normativa europea prevedano precisi e stringenti obblighi in materia di sicurezza dei lavoratori e impongano ai responsabili di adottare tutte le possibili misure dirette a tutelare dagli atti di aggressione tutti i professionisti sanitari, e in particolare quelli impegnati presso i servizi di emergenza e urgenza".

E ancora: "Pertanto la Uil Fpl rappresenta la necessità di procedere con assoluta urgenza all’adozione di concrete misure preventive e dissuasive, utili a scongiurare il verificarsi di ulteriori episodi di violenza. Questa organizzazione sindacale dice ormai basta a questo stillicidio continuo di aggressioni fisiche e verbali verso una categoria che solo nei momenti critici e di bisogno viene vista come 'eroi' per poi essere aggredita durante il proprio esercizio di funzionario pubblico. La Uil Fpl di Caserta non può più assistere inerme davanti al crescente imbarbarimento della condizione di lavoro di professionisti sanitari che tutelano la salute dei cittadini. Per questo, chiediamo al direttore generale ed alle istituzioni tutte d’intervenire, per contrastare i fattori di rischio responsabili di atti di violenza diretti contro gli esercenti le professioni sanitarie. Contemporaneamente la Uil Fpl mette a disposizione dell’infermiere aggredito il proprio consulente legale, a tutela della sua professione ed immagine di pubblico funzionario nell’adempimento del suo lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiere picchiato, il sindacato: "Servono misure urgenti per tutelare il personale"

CasertaNews è in caricamento