Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Pignataro Maggiore

Impianto fotovoltaico abusivo, 6 indagati

Il gip Grammatica ha disposto il sequestro preventivo

Sequestro preventivo per l’impianto fotovoltaico abusivo scovato nella zona industriale di Pignataro Maggiore in località Pezza Tavolella. E’ quanto disposto dal gip Alessandra Grammatica del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, per l’apposizione dei sigilli ad un capannone di circa 5.000 mq in cui è installato un impianto fotovoltaico non a norma, nonché degli annessi locali di pertinenza adibiti ad ospitare una cabina accumulatore di energia elettrica.

La scoperta dell’impianto abusivo è stata fatta dai carabinieri della stazione di Pignataro Maggiore. L'indagine è poi proseguita con una denuncia penale presentata dai legali della persona offesa, gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo, che per conto della società loro assistita, una immobiliare dell’hinterland napoletano, proprietaria del capannone in questione, lamentava che la società a cui aveva dato in concessione l’immobile, la Servizi Gestioni Impianti s.r.l. insieme con la Gaia Energy s.r.l., avevano realizzato in modo difforme dal titolo autorizzativo le opere in questione, sia per la modifica della copertura del tetto del capannone che per la realizzazione dei locali di pertinenza dove era sistemata la cabina elettrica.

All’esito dell’accertamento dei militari, è stato convalidato il sequestro di urgenza disposto dal sostituto procuratore Giacomo Urbano, che preventivamente aveva disposto sopralluoghi tecnici da parte dei funzionari preposti del comune di Pignataro Maggiore e dagli uomini dell’Arma.

E’ stato aperto un fascicolo in Procura e figurano 6 persone nel registro degli indagati coinvolti nella realizzazione delle opere abusive. Si tratta di Pietro Pa., 53 anni di San Nicola la Strada (geometra); Ciro S., 28 anni di Maddaloni (legale rappresentante della società GS Texstile s.r.l.); Augusto M., 52 anni di Caserta (architetto); Gianpaolo C., 56 anni di Vico Equense (ingegnere, progettista e legale rappresentante della società Gaia Energy s.r.l.); Pietro M., 68 anni di Caserta (ingegnere direttore dei lavori); Vincenzo G.,59 di Piana di Sorrento (ingegnere legale rappresentante della società Servizi Gestioni Impianti s.r.l.).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto fotovoltaico abusivo, 6 indagati
CasertaNews è in caricamento