Finanza in Comune: portati via documenti su 2 “casi scottanti”

La Corte dei Conti ha delegato le fiamme gialle a far luce sulle casse dell'Ente normanno. L'indagine partita dall'esposto dell'ex assessore al Bilancio Nico Carpentiero

(foto di repertorio)

Visita degli uomini della Guardia di Finanza in Comune. È successo venerdì scorso quando gli uomini delle fiamme gialle, su delega della Corte dei Conti, sono saliti al secondo piano della casa comunale per ascoltare il segretario generale dell’Ente Anna Di Ronza e l’assessore alle Finanze Francesca Sagliocco. Al termine sono stati acquisiti e portati viva diversi faldoni di documenti. Questa mattina, poi, è stato convocato ed ascoltato presso il Comando di via Nobel l’ex assessore Nico Carpentiero. Nel mirino degli uomini della Guardia di Finanza sono finiti due settori in particolare: il mercato ortofrutticolo e quello idrico. Per entrambi le situazioni ci sono decenni di canoni non riscossi ed ormai prescritti.

Mercato ortofrutticolo

Non solo canoni non riscossi da decenni, ma anche opere in corso per preservare e conservare la struttura di viale Europa. Questo quanto finito nel mirino degli uomini della finanza che hanno visionato anche gli atti prodotti dal comandante Stefano Guarino che ha contestato il mancato pagamento di canoni pregressi a numerosi operatori del mercato ortofrutticolo.

Canoni idrici

Qui la vicenda risale a decenni fa. Sono molteplici i condomini di Aversa (specie quelli più grandi) che non pagano l’acqua. Ci aveva provato qualche anno fa Ciaramella e poi Sagliocco a provare a recuperare, invano, i crediti. Da qualche settimana ci sta provando anche l’amministrazione Golia. Il lavoro, lungo e complesso, difficilmente potrà essere portato a a termine in quanto una cifra piuttosto elevata (si parla di una cifra a 7/8 zeri) è prescritta. E proprio su questo la guardia di finanza vuole far luce.

Genesi dell’indagine

L’indagine che sta conducendo la Guardia di Finzana, su delega della Corte dei Conti regionale, nasce dall’esposto prodotto dall’ex assessore al bilancio Nico Carpentiero. All’indomani della sfiducia, Carpentiero rese pubblico un esposto nel quale spiegava come “L’equilibrio finanziario dell’Ente è assicurato da oltre 94 milioni di “residui attivi” cioè crediti ancora da riscuotere. Una parte rilevante di essi, 50 milioni di euro, è rappresentata da crediti risalenti a oltre il 2014, sui quali è lecito avere più di un dubbio circa il loro effettivo incasso. Per questo motivo, con lettere protocollate, ho invitato i dirigenti a procedere ad una formale e accurata “ricognizione” dei residui, come previsto dalla legge. È del tutto evidente che senza una rigorosa radiografia dei crediti e dei debiti si rischia di approvare un rendiconto che non rappresenti la reale situazione finanziaria dell’Ente”. Questo è uno dei punti della relazione dell’ex assessore che ha messo in luce la precarietà del bilancio comunale.

La Corte dei Conti

Le indagini degli uomini della Guardia di Finanza sono appena iniziate. C’è ancora da far luce sui mutui pagati per opere mai realizzate, sui crediti pignorati, su inesigibilità e tante altre voci che hanno portato a scrivere 94 milioni di euro di residui attivi. Il lavoro è appena cominciato, nei prossimi giorni potrebbe essere ascoltata la dirigente all’area Finanziaria Gemma Accardo, e l’ex assessore al Bilancio della giunta De Cristofaro Raffaele De Gaetano. La Finanza deve rilasciare un’informativa al pubblico ministero della Corte dei Conti che, eventualmente, produce un invito a dedurre, da parte degli attuali e/o dei precedenti amministratori comunali. Una scena già vista ad Aversa per ciò che riguarda gli standard comunali ed i canoni non riscossi delle case popolari di Via San Lorenzo. Tra poco meno di un mese, per il 2 dicembre, è fissata la citazione. Secondo la Corte dei Conti amministratori e dirigenti non avrebbero messo in campo un fattivo impegno per recuperare le somme o liberare gli alloggi. Indagati due ex sindaci, due ex assessori al Patrimonio e tre dirigenti al Patrimonio. (f.p.)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Muore a 49 anni col virus. La rabbia del sindaco: "Smettiamola di sottovalutare la situazione"

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

Torna su
CasertaNews è in caricamento