Incassa 326mila euro della mamma morta, indagini anche sulla banca

Aperto un conto alla donna quando era già deceduta da 5 mesi

Come sia possibile che una donna morta da 5 mesi possa aprire un conto in banca? E’ quello su cui stanno cercando di fare luce gli uomini della Guardia di Finanza che, intanto, hanno sequestrato il conto bancario sul quale, è stato scoperto, negli ultimi 13 anni sono transitati 326mila euro della pensione di una donna di Alife morta nel 2006. Ma quello su cui adesso stanno lavorando le fiamme gialle, dopo aver scoperto che il figlio della donna morta incassava 2mila euro al mese nonostante il decesso, è come sia possibile che 5 mesi il suo addio alla vita terrena la stessa abbia aperto un conto cointestato col figlio in una banca del territorio matesino. E l’attenzione è soprattutto sul funzionario di banca che ha aperto il conto: dagli atti acquisiti è emerso, infatti, che la firma della donna per l’apertura del conto non vi fosse. Ora bisogna capire come sia stato possibile fare tutto ciò.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento