Le ‘cimici’ incastrano l’uomo che ha sparato Luigi

Il 35enne fermato per il tentato omicidio di Parete sarà ascoltato dal giudice

Il momento in cui Luigi è stato colpito dal proiettile

Il 35enne fermato nella giornata di ieri è accusato di tentato omicidio, lesioni gravissime e porto abusivo di armi: V. R. sarebbe stato l’autore del terribile gesto che per poco non ha negato la vita a Luigi P., 14enne colpito da un proiettile alla vigilia di Natale dell’anno scorso.

L’agricoltore 35enne avrebbe infatti sparato ‘per errore’ tre colpi di pistola in aria, come ‘allenamento’ in vista del Capodanno, e uno di questi avrebbe colpito il malcapitato giovane. Secondo il gip Barbara Del Pizzo non ci sono dubbi: i colpi sono partiti dalla sua pistola (detenuta anche illegalmente, e mai trovata). Le indagini hanno avuto una accelerata nelle scorse settimane quando sono state raccolte alcune importanti intercettazioni.

La casa di V. R. era ormai da mesi (sembra da febbraio) piena di cimici e il 35enne avrebbe riferito alla fidanzata alcune frasi molto compromettenti che avrebbero appunto spinto il gip a chiedere l’arresto. Lunedì sarà interrogato dal giudice. Assistito dal suo avvocato, Carmela Maisto, potrà fornire la sua versione dei fatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Scuole superiori: ecco quali sono le migliori a Caserta e provincia

  • Il narcos casertano si pente e fa tremare la 'Ndrangheta

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • "Ora comando io, paga o ti blocco i carri". Arrestati 2 estorsori

Torna su
CasertaNews è in caricamento