Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Inchiesta “All Black”: 13 arresti e 44 indagati. Coinvolta azienda casertana

Rifiuti tombati nei capannoni e poi dati alle fiamme

Sono 44 le persone indagate, a vario titolo, nell'ambito dell'inchiesta della Procura della Repubblica di Lecce, condotta dalla Guardia di Finanza di Taranto e dal Noe dei carabinieri di Lecce e Torino, con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti su tutto il territorio nazionale e riciclaggio.

Tredici le persone arrestate (dieci in carcere e tre ai domiciliari) in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal gip del tribunale salentino su richiesta della Procura distrettuale antimafia.

L'ordinanza è stata eseguita nelle province di Taranto, Lecce, Brindisi, Palermo, Cosenza, Reggio Calabria, Salerno, Napoli e Caserta. Indagata anche una società campana come persona giuridica.

L'operazione è stata denominata “All Black” e deriva dalla riunione di due distinte attività investigative seguite dai carabinieri del Noe e dalla Guardia di finanza che, pur partendo da presupposti diversi, si sono ritrovati in molti casi a indagare sulle stesse persone. Sono stati sequestrati due automezzi e beni per un valore equivalente di 200 mila euro.

Secondo quanto accertato ingenti quantità di rifiuti di tipo urbano e industriale, anche pericoloso, sarebbero stati sversati sul suolo o interrati in alcune località delle province di Lecce e Taranto oppure abbandonati in capannoni industriali in disuso e successivamente dati alle fiamme. C'erano anche plastiche, gomme, ingombranti, guaine catramate e fanghi, provenienti in massima parte da una azienda autorizzata al trattamento di Sparanise che, grazie a questo sistema, sarebbe riuscita ad abbattere fortemente i costi di gestione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta “All Black”: 13 arresti e 44 indagati. Coinvolta azienda casertana

CasertaNews è in caricamento