Cronaca

Scuole non sicure, funzionario del Comune indagato dalla Procura

La lente di ingrandimento su 3 istituti. La giunta dà l’ok per coprire le spese legali del dipendente

Non solo il ‘caso De Amicis’ a Caserta. La Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere sta portando avanti anche un’altra indagine sulle scuole casertane e, nei giorni scorsi, ha proceduto ad iscrivere nel registro degli indagati il responsabile dell’Ufficio Patrimonio e Manutenzione del Comune di Maddaloni perché non aveva sottoposto a “regolare manutenzione tecnica le scuole, gli impianti ed i dispositivi relativamente ai plessi scolastici ‘Settembrini’ di via Brecciame, ‘Lambruschini’ di via Campolongo e plesso di via Cancello’.

Al geometra F.C. è stato notificato l’avviso di conclusione di indagini ed ha provveduto a nominare quale proprio legale Maro Corsiero per potersi difendere dalle accuse. Le spese legali, così come deciso dalla giunta presieduta dal sindaco Andrea De Filippo, saranno coperte dal Comune.

Le indagini della Procura hanno evidenziato nei tre istituti scolastici l’assenza delle dichiarazioni di conformità di impianti elettrici e di riscaldamento, oltre che la mancanza di verifiche periodiche. Inoltre in varie parti degli edifici la pavimentazione interna “risultava sconnessa ed irregolare”, così come problemi sono stati evidenziati anche per le controsoffittature. Infine i percorsi delle uscite di emergenza non erano segnalati adeguatamente. Per questo motivo si è provveduto ad indagare il responsabile che adesso dovrà cercare di chiarire la propria posizione con gli inquirenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole non sicure, funzionario del Comune indagato dalla Procura

CasertaNews è in caricamento