menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carlo e Veronica sono morti nel drammatico incidente di Novara

Carlo e Veronica sono morti nel drammatico incidente di Novara

La tragedia di Carlo e Veronica: “Addio angeli bellissimi”

I due ragazzi di 19 e 16 anni morti in un drammatico incidente stradale. Un’intera comunità sotto choc: “Tragedie che invitato alla preghiera”

Un’intera comunità sotto choc, incredula per quanto avvenuto nella serata di giovedì quanto due angeli giovanissimi sono stati strappati alle loro vite terrene dopo un terribile incidente stradale. A Capodrise oggi è il giorno del dolore per Carlo e Veronica, 19 e 16 anni, morti in un incidente a Novara, dove vivevano da anni, dopo che il padre Peppe Di Bernardo si era trasferito per motivi di lavoro. 

Una tragedia che, purtroppo, ha colpito due ragazzi nel fiore degli anni. “Vicinanza a Peppe e a Pietro Di Bernardo, alle loro famiglie, a chi in questo momento piange per la prematura morte di Carlo e Veronica, 19 e 16 anni, avvenuta in un incidente stradale a Novara” è il messaggio lanciato dal sacerdote della Parrocchia di Sant’Andrea Apostolo: “Sono quelle tragedie che lasciano in silenzio e invitano solo alla preghiera per chi inaspettatamente se ne va e per chi rimane. Con nonno Carlo adesso in Cielo continuate a giocare, a divertirvi, insomma, a vivere angeli bellissimi”. 

La tragedia si è materializzata giovedì pomeriggio quando la moto sulla quale viaggiavano Carlo e Veronica si è scontrata con un furgone in via Biandrate, a Novara, all'altezza della concessionaria Clerici. Le condizioni dei due ragazzi sono apparse subito molto gravi e quando sono arrivati in ospedale i loro cuori hanno ceduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento