Giovedì, 23 Settembre 2021
Incidenti stradali Mondragone

Uccisa dal corriere delle consegne in retromarcia

Stava percorrendo via Fiume a piedi quando un furgone l'ha presa in pieno. La sequenza dei tragici istanti ricostruita grazie alle indagini della polizia municipale

Un furgone per le consegne, una manovra azzardata in una stradina, una retromarcia innestata velocemente, un rumore sordo di qualcosa che si scontra violentemente sulle lamiere e la vista del corpo agonizzante di una donna in età avanzata immerso nel sangue sul selciato. È la sequenza dei fatti accaduti in via Fiume a Mondragone nella tarda mattinata di martedì, che hanno visto vittima M. P. una 84enne mondragonese, investita dal furgone per le consegne Gls nel maldestro e frettoloso tentativo di fare inversione di marcia.

L'84enne stava percorrendo via Fiume a piedi quando il furgone Gls, con alla guida D. F. 41enne di Maddaloni, l'ha presa in pieno dopo aver innestato la retromarcia. Un tonfo a cui non è stato dato peso ed il corpo dell'84enne trascinato al di sotto del veicolo e visto solo dopo qualche metro dallo specchietto retrovisore. Il conducente alla vista della donna ferita sulla strada ha subito allertato i soccorsi. Il 118 accorso sul posto ha trasportato l'84enne presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno dove si è spenta poco dopo, a causa dei traumi riportati nel violento impatto.

Una complessa attività investigativa, condotta dal comando della polizia locale di Mondragone, ha ricostruito la sequenza dei tragici istanti dell'investimento, grazie anche all'acquisizione dei filmati delle telecamere di sorveglianza di alcune abitazioni private e dei rilievi in loco. Il 41enne conducente del furgone risponderà di omicidio stradale dinanzi alla Procura di Santa Maria Capua Vetere. La salma dell'84enne è stata trasportata presso l'istituto di medicina legale di Caserta per l'esame autoptico a disposizione dell'autorità giudiziaria competente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa dal corriere delle consegne in retromarcia

CasertaNews è in caricamento