L'ultimo viaggio di Antonio: fissati i funerali per il carabiniere ucciso mentre fa jogging

Il ricordo del sindaco di Formicola, Scirocco: "Era un militare serio e dedito al suo lavoro, che si faceva voler bene e rispettare da tutti". Il sindaco di Liberi: "Di lui ricorderò sempre la sua cordialità"

Antonio Montaquila, il 37enne maresciallo dei carabinieri investito ed ucciso mentre fa jogging

Sono stati fissati per venerdì 25 settembre alle ore 16,30, presso la parrocchia dei Santi Cosma e Damiano a Vairano Patenora, i funerali di Antonio Montaquila, il 37enne maresciallo dei carabinieri in servizio alla stazione dell'Arma a Formicola, investito ed ucciso da un'auto mentre faceva jogging a Capua. Una vita spezzata troppo presto, che ha lasciato familiari, colleghi di lavoro e amici, straziati dal dolore. Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore alla famiglia di Antonio, ricordato da tutti come un professionista serio e dedito al suo lavoro. 

"Ancora increduli per il tragico accaduto - si legge in una nota del sindaco di Formicola Michele Scirocco - Unitamente all'amministrazione comunale tutta e ai dipendenti del Comune mi stringo attorno al dolore che ha colpito la famiglia del vice comandante Antonio Montaquila, in servizio presso la locale stazione dei carabinieri. Montaquila lascia la moglie e un figlio; noi tutti lo ricorderemo sempre come un professionista, militare serio e dedito al suo lavoro, che si faceva voler bene e rispettare da tutti".

Un messaggio di cordoglio è arrivato anche dal sindaco di Liberi, Antonio Diana: "La tragica morte del maresciallo Antonio Montaquila è una notizia che lascia tutti sconvolti e desolati e che mai avremmo voluto leggere. Una vita strappata nel fiore della giovinezza, un servo dell’Arma a servizio dei cittadini, ma soprattutto un figlio, un padre e un marito che non tornerà più dai suoi affetti. L’amministrazione di Liberi esprime la sua vicinanza ai familiari del giovane maresciallo. Di lui ricorderò sempre la dedizione al lavoro e la sua cordialità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' tanta invece la rabbia dell'avvocato Roberto Barresi, esponente del movimento politico civico “Insieme per Capua”, dopo la morte del giovane carabiniere. "Servono interventi immediati, basta vittime della strada - ha tuonato Barresi - Via Tifatina, luogo del drammatico incidente che ha portato alla morte di Antonio Montaquila, è una strada già teatro di diversi incidenti e vittime, assolutamente priva di adeguati dispositivi di sicurezza e segnaletica sufficiente e spesso percorsa a velocità elevate e senza controlli. Con la sicurezza e la vita umana è vietato perdere altro tempo: l’amministrazione comunale si svegli e si dia urgentemente da fare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Oltre 500 positivi e 3 morti in 48 ore: cresce l’allerta Covid nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento