menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Valeria Ciarambino e Agostino Santillo

Valeria Ciarambino e Agostino Santillo

Terremoto alla Sma, i 5 Stelle all'attacco: “Stop a nomine fiduciarie”

Ciarambino e Santillo intervengono a gamba tesa sull'inchiesta che ha portato all'esecuzione di 16 ordinanze di custodia cautelare

L'indagine che ha colpito la Sma Campania (con 16 ordinanze di custodia cutelare), società in house della Regione che opera nell'ambito della tutela e del risanamento ambientale, ha suscitato sdegno nel mondo della politica. 

“In una regione già martoriata da decenni, dove chi la governa dovrebbe lavorare notte e giorno per restituirci aria pulita e terra bonificata, suscitano sdegno gli ultimi sviluppi dell’indagine su Sma Campania, la più importante società regionale in tema di smaltimento rifiuti - ha affermato Valeria Ciarambino, vice presidente del Consiglio regionale della Campania e capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle - Un’inchiesta tesa a far luce su un sistema, che vedrebbe apparati dello Stato, camorra, imprenditori e amministratori pubblici complici dell’ennesimo drammatico scempio ambientale e che coinvolge, paradossalmente, l’allora presidente della Commissione regionale d’inchiesta che avrebbe dovuto controllare l’operato proprio di quella società nel mirino dei magistrati”.

“Dobbiamo porre fine al sistema di nomine di natura fiduciaria in tutte le società partecipate – aggiunge Ciarambino - definendo requisiti di onorabilità e competenza. È necessario attivare protocolli con Anac per tutti i casi di ricorso ad affidamenti diretti motivati da criteri di urgenza, che sono eventi sentinella di possibili episodi di corruzione. Da anni, inascoltati, chiediamo che la Regione definisca regole di buonsenso e di assoluta trasparenza e che eserciti un controllo meticoloso su una società sulla quale dovrebbe esserci attenzione massima, perché dal suo operato dipende la vita e la salute dei nostri cittadini”.

Sulla vicenda è intervenuto a gamba tesa anche il senatore casertano del Movimento 5 Stelle, Agostino Santillo, che ha dichiarato: "Si tratta di un quadro gravissimo che, se confermato, alimenta ancora una volta il clima di sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni. Mi chiedo come possa un cittadino onesto, che lavora e paga le tasse, tollerare che nel 2021 esistano ancora personaggi di così bassa moralità che occupano posizioni anche di pubblico rilievo. Alla base dei principi del Movimento 5 Stelle c'è la lotta ai corrotti e ad ogni genere di malaffare: da parte mia, posso assicurarvi - ha concluso il senatore pentastellato - che non ci stancheremo mai di lottare contro tutti quelli che distruggono la nostra terra e il futuro dei nostri figli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento