rotate-mobile
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Casa inagibile per 30 famiglie dopo il rogo nel rione: è emergenza

Il sindaco Mirra ha attivato la Prefettura per trovare nuovi alloggi dopo l'incendio nel complesso popolare di via Giotto

Dopo le fiamme e la paura scoppia l'emergenza casa a Santa Maria Capua Vetere. Sono almeno 30 gli appartamenti per i quali è venuta meno l'abitabilità dopo il rogo scoppiato in un immobile di proprietà Acer (ex Iacp) nel pomeriggio in via Giotto e sulle cui cause sono in corso accertamenti da parte dei vigili del fuoco intervenuti sul posto.

Nel complesso popolare è giunto anche il sindaco di Santa Maria Capua Vetere Antonio Mirra, con personale di Polizia Municipale e del settore Servizi Sociali, per avviare immediatamente un’organizzazione volta ad individuare tutte le esigenze dei nuclei familiari costretti a lasciare le abitazioni. Attualmente la macchina amministrativa è pienamente operativa per individuare, anche con il sostegno della Prefettura, le soluzioni abitative provvisorie al fine di fronteggiare il periodo necessario affinché Acer effettui i lavori nell'immobile, e in particolare nell'impianto elettrico dal quale presumibilmente è scaturito l'incendio, finalizzati al ripristino della abitabilità dello stesso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa inagibile per 30 famiglie dopo il rogo nel rione: è emergenza

CasertaNews è in caricamento