Cronaca

Incendio al Palamaggiò: si segue la pista dolosa. Forzata la porta d'ingresso

Potrebbero essere entrati dall'area retrostante la struttura: il rogo si è sviluppato a piano terra e negli uffici

I vigili del fuoco al Palamaggiò

Prende sempre più corpo, per gli inquirenti, l'ipotesi dolosa alla base dell'incendio divampato all'interno del Palamaggiò in località Pezza delle Noci a Castel Morrone. Sul caso stanno indagando i carabinieri ed i vigili del fuoco di Caserta.

Dalle prime verifiche, pare che sia stato forzato l'ingresso degli atleti della struttura, ubicato in una zona retrostante l'imponente struttura sportiva casertana. Il fuoco è stato appiccato al pian terreno ed al primo piano dove sono allocati gli uffici ancora contenenti arredi e pratiche sportive.

La polizia giudiziaria dei vigili del fuoco del Capoluogo sta provvedendo all'identificazione della causa del rogo. La pista dolosa è quella più presumibile giacché la struttura sportiva era inutilizzata con il conseguente distacco della fornitura elettrica. In corso di accertamento ad opera dei caschi rossi casertani e matesini la staticità della porzione di edificio interessata dal rogo.

Il palazzetto dei 100 giorni, realizzato dallo storico presidente della Juvecaserta Maggiò, è attualmente gestito da un amministratore giudiziario che, da tempo, sta gestendo la sua vendita all'asta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio al Palamaggiò: si segue la pista dolosa. Forzata la porta d'ingresso

CasertaNews è in caricamento