Ristorante incendiato, i proprietari negano di aver ricevuto minacce

La polizia indaga sulle cause del rogo: i titolari hanno confermato la presenza di una assicurazione sul locale

Il ristorante-pizzeria 'Donna Elisa' di Aversa distrutto dalle fiamme

Ci sono due domande che gli inquirenti sono tenuti a fare ai titolari in casi come quello dell'incendio del ristorante-pizzeria 'Donna Elisa': il locale è assicurato? Avete ricevuto minacce? Ecco, e sono proprio le prime due che gli uomini del commissariato di Aversa hanno fatto ai proprietari del ristorante di fronte all'ospedale di Aversa che stanotte, intorno alle 3, è stato completamente distrutto dalle fiamme. 

Alle domande i titolari di 'Donna Elisa', originari di Melito, hanno negato di aver ricevuto minacce in questi ultimi giorni e soprattutto hanno confermato ai poliziotti e al dirigente Vincenzo Gallozzi che la struttura è coperta da assicurazione. Adesso si attende la relazione ufficiale dei vigili del fuoco per capire con certezza cosa abbia innescato l'incendio che ha completamente incenerito il locale commerciale al confine con Giugliano in Campania. 

La polizia di Aversa è arrivata sul posto praticamente subito dopo una richiesta d'intervento di un cittadino e pochi minuti dopo sono arrivati i vigili del fuoco che hanno domato - non senza difficoltà - le fiamme. Non sono state trovate 'tracce' di materiali infiammabili ma i vigili del fuoco, dopo il sequestro del locale, stanno portando avanti dei controlli delicati per far sì che tra una decina di giorni possa arrivare la perizia che faccia chiarezza su tutto quanto successo al ristorante. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ovviamente sono partite le indagini e non si esclude alcuna ipotesi: si va dal corto circuito alla pista dolosa. Solamente l'unica speciale dei vigili del fuoco potrà dare risposte concrete sia ai titolari della struttura che agli inquirenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Nuovo record di contagi nel casertano: 135 casi in un giorno

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

  • Sfondata quota 1000 casi in Campania: superato il ‘limite lockdown’ annunciato da De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento