Treni nel caos per un incendio doloso, ritardi fino a 4 ore

Disagi anche per i pendolari casertani a causa del rogo appiccato ad una cabina elettrica a Firenze

È un vero e proprio caos quello scoppiato questa mattina all’alba, pochi minuti dopo le 5, sulla circolazione ferroviaria del Paese. La sospensione dei treni è infatti avvenuta tra Rovezzano e Firenze Campo Martem sulle linee direttissima fra Roma e Firenzem per accertamenti dell'autorità giudiziaria dopo un incendio di natura dolosa ad una una cabina elettrica dell'Alta velocità.

A quanto hanno potuto stabilire gli inquirenti, gli attentatori hanno bruciato i fili della cabina elettrica in due punti diversi per bloccare il traffico in tutte le direzioni.

Ripercussioni pesantissime su tutto il traffico nazionale, con pesanti ritardi anche per i pendolari casertani. I treni da nord, Milano e Bologna, e da sud, Napoli, registrano infatti fino a 180 minuti di ritardo. Interessato dai ritardi anche il traffico regionale nei principali nodi metropolitani.

Rete Ferroviaria Italiana ha comunicato inoltre che sono sono stati cancellati 25 treni AV, sia di Trenitalia sia di Italo, e i ritardi si sono estesi a tutto il sistema alta velocità, con ripercussioni probabili per tutto il pomeriggio.

Potrebbe interessarti

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento