Cronaca Santa Maria a Vico

Incubo nube nera, 4 sindaci chiudono le scuole: "Non possiamo aprire le finestre"

La decisione di Pirozzi adottata in serata dopo il drammatico incendio ad Airola. Lo imitano anche San Felice, Cervino ed Arienzo

La nube nera che da Airola ha invaso buona parte della provincia di Caserta fa ancora paura. Proprio per evitare rischi peggiori il sindaco di Santa Maria a Vico Andrea Pirozzi ha deciso di firmare l'ordinanza per la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado "a tutela della salute pubblica e della popolazione scolastica". 

"Il provvedimento - afferma - è stato preso in considerazione alle norme anticovid che richiedono di arieggiare gli ambienti delle aule scolastiche, mentre il protrarsi dell’incendio e del continuo crescere della nube tossica non consente di tenere le finestre aperte. Invitiamo ancora una volta i nostri cari cittadini alla cautela e a tenere le finestre chiuse".

Pochi minuti più tardi anche i colleghi di San Felice a Cancello, Giovanni Ferrara, di Cervino, Giuseppe Vinciguerra, ed Arienzo, Giuseppe Guida, hanno firmato la stessa ordinanza di stop alle lezioni per la giornata di giovedì.

Il rogo in provincia din Benevento è scoppiato poco prima delle ore 17. Sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Caserta in via Sorlati ad Airola a supporto delle squadre del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Benevento impegnate nel vasto incendio che si è sviluppato all’interno di un capannone contenente materiale plastico.

Una grossa colonna di fumo nero e denso, visibile anche dai comuni di Caserta e Napoli, ha invaso tutta l’area circostante e per domare l’incendio sono al lavoro varie squadre di Vigili del fuoco. A supporto è stata inviata anche un’autobotte sempre dal sede centrale del Comando. Non sono state coinvolte persone nell’incendio e le cause sono ancora da accertare da parte degli inquirenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incubo nube nera, 4 sindaci chiudono le scuole: "Non possiamo aprire le finestre"

CasertaNews è in caricamento