menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terra dei Fuochi, i controlli dell'esercito funzionano: crollano i roghi di rifiuti

Solo uno in provincia di Caserta a gennaio ed 80 nel napoletano

Crollo drastico degli incendi nella ‘Terra dei Fuochi’. E’ quanto emerge dal report relativo al mese di gennaio relativo alle attività di vigilanza e controllo.

Per quanto riguarda i roghi dei rifiuti, la diminuzione rispetto allo stesso mese del 2020 è notevole: nel gennaio di un anno fa, infatti, essi furono 302 (238 in provincia di Napoli e 64 in quella di Caserta), mentre dal 1° al 31 gennaio 2021 sono stati 81, dei quali 80 in provincia di Napoli e uno solo in provincia di Caserta. Per la provincia di Napoli, la parte preponderante spetta al Capoluogo, con ben 66 eventi su 80, e il secondo posto a Giugliano, con 16 incendi. Degli 80 roghi nel napoletano, 16 sono stati registrati fra la mezzanotte e le sei del mattino della notte del primo dell’anno, e si sono sviluppati in pieno centro cittadino, in molti casi su cestini di rifiuti (simile dato è da riferire anche agli scorsi anni).

terra dei fuochi report incendi-2

L’importante diminuzione del numero di roghi, dovuta al decisivo impulso impartito dai prefetti di Napoli e Caserta e al conseguente forte impegno dell’Esercito e delle Forze di polizia statali e locali, appare un dato promettente.

Tuttavia, permangono fra gli incendi alcuni eventi di particolare intensità e conseguente allarme sociale, dovuti principalmente al periodico “smaltimento” illegale di rifiuti in aree attigue agli insediamenti abitativi irregolari; le quali sono diventate nel tempo delle vere e proprie discariche abusive.

Al fine di contenere per quanto possibile tali eventi, gli “action day” programmati nel primo quadrimestre del 2021 sono focalizzati soprattutto sul controllo e la prevenzione degli sversamenti di rifiuti in dette aree, a fianco delle tradizionali verifiche sulle aziende (industriali, commerciali o agricole), anche mediante l’identificazione delle persone, sia a terra sia dall’aria (droni), e il sequestro dei mezzi che vi portano rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento