Cronaca Caiazzo

"Imprenditore antiracket non credibile per i rapporti d'affari con la famiglia Zagaria"

Le motivazioni della Cassazione sulle estorsioni a Battaglia

L'imprenditore antiracket Roberto Battaglia inattendibile per i suoi "rapporti personali e di affari con componenti della famiglia Zagaria". Lo scrivono i giudici della Corte di Cassazione nelle motivazioni con cui è stato respinto il ricorso della Procura contro le assoluzioni di Ciro Benenati, Pasquale Zagaria, Pasquale Fontana, Nicola Diana, Filippo, Francesco e Raffaele Capaldo, Antonio e Carmine Zagaria accusati di due diversi episodi di estorsione ai danni di Battaglia. 

I giudici della Suprema Corte hanno vidimato la decisione della Corte d'Appello di Napoli di non ascoltare in aula i collaboratori di giustizia Nicola Schiavone e Caterino in quanto la testimonianza di Battaglia sarebbe stata valutata "negativamente circa l'attendibilità intrinseca del racconto" evidenziando "grave tardività della denuncia, sporta a distanza di 12 anni dai fatti, e le numerose contraddizioni in cui il dichiarante sarebbe caduto nella ricostruzione dei fatti. Orbene - proseguono i giudici - tale valutazione negativa di attendibilità della fonte principale di accusa rendeva superflua l'audizione dei collaboratori di giustizia Schiavone e Caterino e ciò anche se il primo andava qualificato come prova sopravvenuta, trattandosi di soggetti che non essendo a conoscenza diretta e personale dei fatti avrebbero potuto riferire esclusivamente in ordine ad elementi di puro riscontro. E tuttavia appare evidente che conclusa negativamente la valutazione della credibilità della persona offesa del tutto superfluo appariva procedere alla ricerca di riscontri che mai avrebbero, comunque, potuto sopperire all'assenza di una prova diretta e principale".

Ma i giudici vanno oltre, rigettando anche la doglianza riguardante il trattamento di Battaglia che andava valutato come "teste puro e non alla stregua dell'imputato di reato connesso". Al riguardo la Cassazione evidenzia come la Corte d'Appello di Napoli abbia indicato Battaglia come "testimone, persona offesa". Tuttavia nella valutazione di attendibilità che i giudici d'Appello i giudici hanno sottolineato "i rapporti personali e di affari proseguiti nel tempo tra il Battaglia ed i componenti della famiglia Zagaria - ribadiscono i giudici del Palazzaccio - proprio al fine di valutare l'attendibilità della denuncia dello stesso a distanza di oltre 10 anni dai fatti; e segnalava come nel corso di tali rapporti Battaglia avesse concluso affari con gli stessi ed altri esponenti di quel clan per concludere con valutazione esente da censure per la già nominata inattendibilità". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Imprenditore antiracket non credibile per i rapporti d'affari con la famiglia Zagaria"

CasertaNews è in caricamento