menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Anche Schiavone accusa De Luca

Anche Schiavone accusa De Luca

Il benvenuto di Iavarazzo a De Luca: "1500 euro per essere a disposizione del clan"

I collaboratori parlano di Vincenzo o' Nero dall'affiliazione al business delle slot: "Non versava i soldi per gli stipendi"

Vincenzo De Luca, alias o' Nero, arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri per estorsione aggravata dal metodo mafioso, apparteneva al clan dei Casalesi. Sono stati i collaboratori di giustizia Nicola Schiavone, Umberto Venosa e Mario Iavarazzo a parlare sul suo conto.

In particolare Schiavone ha raccontato che De Luca apparteneva al "gruppo Bianco. Fu affiliato da Carlo Del Vecchio". Venosa, invece, riferendosi all'imposizione delle slot machines ha detto che De Luca si intascava i proventi "versati dai gestori delle macchinette nella zona degli Schiavone". Quelle zone erano "di nostra pertinenza ma da noi venivano diversi familiari di detenuti che si lamentavano che non arrivassero più gli stipendi". Così Venosa decise di "organizzare un incontro con De Luca e dissi che non era in grado di gestire la cassa per cui da quel momento avrei gestito la cassa dei giochi sia per i Bidognetti che per gli Schiavone". 

Infine Iavarazzo inquadra De Luca nel cosiddetto "gruppo della riina". Siamo nel 2011 e "ricordo perfettamente che lui era stato scarcerato da poco e che io gli portai la somma di 1500 euro in quanto avevo saputo della sua scarcerazione e del fatto che voleva mettersi a disposizione del clan. Io lo conobbi in quell'occasione e gli consegnai la somma come una sorta di 'benvenuto' e lui mi ribadì la sua disponibilità ad essere nuovamente coinvolto nelle attività criminali del clan". 

Intanto lunedì cominceranno dinanzi al gip Giovanni De Angelis del tribunale di Napoli gli interrogatori di garanzia dei 4 esattori del clan arrestati giovedì scorso: Vincenzo De Luca, Salvatore Massaro, Paolo Piccirillo e Giovanni Della Corte. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Mirella Baldascino, Raffaele Mascia, Alessandro Diana e Ferdinando Letizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento