rotate-mobile
Cronaca Aversa

Non dichiara redditi per 17mila euro per non pagare l'avvocato: assolto

Era stato ammesso al gratuito patrocinio ma non ne aveva diritto: "Una mera superficialità"

Non ha dichiarato di aver percepito redditi per oltre 17mila euro riuscendo così ad ottenere l'ammissione al gratuito patrocinio - cioè della difesa legale a spese dello Stato - in un procedimento dinanzi al Tribunale di Napoli Nord. Questa l'accusa per la quale W.R., 42enne residente in provincia di Frosinone, è stato assolto dal giudice Vera Iaselli. 

Nei suoi confronti la Procura aveva invocato una pena a 5 mesi di reclusione oltre al pagamento di una multa. L'imputato - secondo quanto ricostruito dalla Guardia di Finanza - avrebbe omesso di dichiarare oltre 17mila euro di stipendi, lo stipendio di una familiare ed il possesso dell'auto e di un'immobile (intestato ad un altro familiare convivente). Proprietà che lo avrebbero di fatto escluso dal beneficio del gratuito patrocinio.

Condotte che per il giudice si sarebbero sì verificate ma per una leggerezza. In pratica - come evidenziato anche dal legale del 42enne, l'avvocato Nello Sgambato - l'uomo nel presentare l'istanza nell'aprile del 2017 - quindi prima della dichiarazione dei redditi per l'anno 2016 - avrebbe fatto riferimento all'Isee del 2015 rispetto al quale non sono stati effettuati accertamenti. 

Un errore di superficialità, dunque, per il quale il giudice ha pronunciato, all'esito del giudizio in abbreviato, sentenza di assoluzione per la particolare tenuità del fatto contestato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non dichiara redditi per 17mila euro per non pagare l'avvocato: assolto

CasertaNews è in caricamento