rotate-mobile
Cronaca Parete

Caos mensa, l'assessore a muso duro col Pd: "Si informano al bar..."

Gilda Grasso contro Vitale e Martino: "Ritardo causa di un fatto improvviso"

Non si è fatta attendere la replica dell’assessore alla Pubblica Istruzione Gilda Grasso alle accuse che le sono state rivolte dagli esponenti del Pd Raffaele Vitale e Luigia Martino per la mancata partenza della mensa scolastica a Parete. “Premesso che sono passati due mesi, e non tre, dall’inizio delle attività didattiche come da calendario della regione Campania e che l’unico anno in cui il servizio mensa a Parete è cominciato il 2 ottobre e terminato (per l’infanzia) il 16 giugno è stato lo scorso anno per mia esplicita richiesta, ritengo opportuno precisare che non è stato chiesto il pagamento anticipato con urgenza ma solo la restituzione della domanda di iscrizione al servizio mensa”. Ed aggiunge: “Quanto ai ritardi nell’avvio del servizio, come ben sanno tutti coloro che si sono informati da fonti ufficiali e non al bar sotto casa, è dovuto al pensionamento anticipato, improvviso e non programmabile del dirigente preposto. Il nuovo dirigente sta espletando tutte le procedure con la massima urgenza. E anche se allo sguardo distratto del PD locale sembra un miraggio, noi invece abbiamo avuto rassicurazioni dal nuovo dirigente che in tempi brevissimi il servizio partirà”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos mensa, l'assessore a muso duro col Pd: "Si informano al bar..."

CasertaNews è in caricamento