menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La decisione della Corte d'Appello

La decisione della Corte d'Appello

Il gioco d'azzardo dei Casalesi, pena dimezzata per Bianco

Esclusa l'aggravante mafiosa e dichiarata la prescrizione per altri 4 imputati

Pena dimezzata per Massimo Bianco e revoca dell'obbligo di dimora, dichiarata la prescrizione dei reati per altri 4 imputati. Si è concluso così il processo d'Appello a carico di 5 persone coinvolte nell'inchiesta "Rischiatutto", sulla gestione del gioco d'azzardo da parte del gruppo Schiavone del clan dei Casalesi.

La Corte d'Appello di Napoli - dopo l'annullamento della precedente sentenza da parte della Cassazione - ha condannato Massimo Bianco (difeso dagli avvocati Mario Griffo e Carlo De Stavola) a 5 anni e 8 mesi (in luogo dei 10 anni e 4 mesi inflitti con precedente giudizio) disponendone la revoca della misura del divieto di dimora. Esclusa l'aggravante mafiosa è stata dichiarata la prescrizione nei confronti di Ioana Ancuta Gurlui, Epaminonda Noviello, Vincenzo Noviello e Nicola Paolella. Nel collegio difensivo sono stati, inoltre, impegnati gli avvocati Romolo Vignola ed Elisabetta Carfora. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento