Rubano le auto col trucco della 'gomma bucata': 2 in manette

I colpi messi a segno a Santa Maria Capua Vetere e Maddaloni: sono accusati anche di aver prelevato 2mila euro dalla carta di credito di una vittima

Al termine di un’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, la Polizia di Stato ha sottoposto ali arresti domiciliari C.O., 46 anni, ed E.P., di 52, entrambi residenti a Napoli, indagati per il reato di furto aggravato ed indebito utilizzo di carta di credito.

Le indagini condotte dai commissariati di Santa Maria Capua Vetere e Maddaloni hanno consentito di acquisire un grave quadro indiziario nei confronti degli indagati, responsabili di due furti su autovetture commessi tra Santa Maria Capua Vetere e Maddaloni nei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno; e, ancora, di aver illecitamente utilizzato una carta di credito, sottratta in occasione del furto commesso a Santa Maria Capua Vetere, con la quale prelevavano circa 2mila euro dal conto corrente bancario di una delle vittime.

La mirata attività investigativa, svolta anche con l’ausilio delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza presenti nei luoghi teatro dei delitti, ha consentito di identificare gli autori ed accertare il loro collaudato modus operandi: infatti, dopo aver forato uno pneumatico delle autovetture delle vittime, approfittando della loro successiva distrazione, sottraevano i loro borselli, riposti nei rispettivi automezzi, contenenti effetti personali e valori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento