Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Furto di energia elettrica, donna innocente dopo 5 anni di processo

Il compagno aveva confessato di aver manomesso lui il contatore dell'abitazione dove vivevano

Assolta dall'accusa di furto di energia elettrica una donna di Grazzanise. Questo il verdetto del giudice Discepolo del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha accolto in toto la ricostruzione del difensore dell'imputata, l'avvocato Antimo Castiello, che è riuscito a dimostrare l'assoluta estraneità della sua assistita alla vicenda. 

Un verdetto che arriva dopo 5 anni di processo durante il quale è riuscita ad emergere la verità dei fatti. In pratica la donna era finita alla sbarra dopo un accesso del personale Enel che aveva mostrato la manomissione del contatore dell'abitazione dove viveva. Ma ad essere autore della manomissione sarebbe stato il compagno convivente che sin da subito aveva ammesso i fatti asserendo di aver violato il contatore per motivi economici. 

Nonostante la confessione, però, è stata rinviata a giudizio la donna che era la mera intestatrice del contatore. Oggi la sentenza di assoluzione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di energia elettrica, donna innocente dopo 5 anni di processo

CasertaNews è in caricamento