rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Marcianise

Rubano cavi di rame al teatro comunale, 2 scarcerati

Il gip ha stabilito l'obbligo di dimora nel comune di residenza per i due ladri

Obbligo di dimora nel comune di residenza per Pavlo Maksymyhyn e Maksym Mykhaylovskyy, rispettivamente di 30 e 28 anni ucraini ma residenti a San Nicola La Strada responsabili di furto aggravato. È quanto stabilito dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli Nord, Eleonora Rossi, dinanzi alla quale i due indagati hanno cercato di chiarire la loro posizione, assistiti dai legali Achille D'Angerio e Nicola Valentino, in merito al furto di 370 kg di cavi rame asportati dal Teatro Comunale di Caivano nella notte del 23 novembre.

I due ladri in trasferta sono stati intercettati dai carabinieri della compagnia di Marcianise sulla Strada Provinciale 336 a bordo di una Fiat 500L. A seguito di perquisizione veicolare i militari hanno rinvenuto il materiale asportato nonché gli attrezzi utilizzati per l'effrazione del cancello d'ingresso della struttura di Caivano oltre i tipici arnesi adoperati per il taglio dei cavi. Il materiale è stato sequestrato e i due ucraini tratti in arresto per furto aggravato, associati poi presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Durante la celebrazione del rito direttissimo il gip Rossi ha convalidato l'arresto per i due ladri disponendo l'applicazione della misura cautelare meno afflittiva dell'obbligo di dimora nel comune di residenza nonostante la richiesta del pm Calvagno D'Achille della misura cautelare inframuraria. Si tornerà in aula agli inizi del mese di dicembre su richiesta dei legali degli indagati per valutare altri riti alternativi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano cavi di rame al teatro comunale, 2 scarcerati

CasertaNews è in caricamento