Cronaca

"Cittadini indifesi in balia di ladri armati"

La denuncia di San Potito Riparte dopo la raffica di furti nell'Alto Casertano. Chiesta una Consulta sulla Sicurezza

Raffica di furti nell'Alto Casertano

Alto casertano in balia dei ladri. Nelle ultime settimane numerosi sono stati i furti ai danni di abitazioni messi a segno in diversi comuni tra cui Piedimonte Matese, Alife e San Potito Sannitico.

Il gruppo consiliare "San Potito Riparte" è intervenuto sulla questione chiedendo la convocazione di un consiglio comunale ad hoc, per affrontare le problematiche inerenti l'ordine pubblico e la sicurezza, e l'istituzione di una "consulta speciale per la sicurezza urbana" con un tavolo permanente, allargato anche ai comuni limitrofi, di cittadini, commercianti, associazioni e forze di polizia per affrontare insieme la criticità.

E' questo il senso di una nota, inoltrata al sindaco Francesco Imperadore e protocollata in Comune, dai consiglieri comunali Nicola Altieri, Luca Santagata e Gianluca Pascale. Nella missiva i consiglieri descrivono un quadro allarmante con i "cittadini inermi ed indifesi" costretti a fronteggiare i malviventi che non si fanno scrupolo di agire con "l'utilizzo di armi da fuoco". Per questo la richiesta è di ripristinare l'impianto di sorveglianza già esistente "funzionante solo in parte"; implementarlo con altri punti di registrazione e ripristinare la pubblica illuminazione con "gran parte del paese" lasciato "letteralmente al buio".

Nei giorni scorsi ad Alife è partita una raccolta firme per chiedere maggiore sicurezza. La petizione ha già raccolto oltre 700 sottoscrizioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cittadini indifesi in balia di ladri armati"

CasertaNews è in caricamento