I proprietari si rifiutano di denunciare i ladri di castagne, il sindaco sbotta sui social

Montefusco infuriato per l'atteggiamento dei cittadini: "Abbiamo messo la vigilanza ma a che serve così?"

I controlli nei castagneti

A che serve un servizio di vigilanza se, quando i ladri vengono beccati, i derubati si rifiutano di denunciarli? E' la domanda che si pone il sindaco di Roccamonfina Carlo Montefusco dopo una comunicazione delle forze dell'ordine che hanno segnalato un atteggiamento alquanto discutibile da parte dei proprietari dei castagneti.

Ma facciamo un passo indietro. Nelle scorse settimane il Comune aveva disposto maggiori controlli dei terreni per evitare i furti di castagne, simbolo dell'economia locale, coinvolgendo sia le forze dell'ordine sia attivando una vigilanza privata. Una stretta che nella giornata di domenica ha portato ai suoi frutti con due persone che sono state beccate mentre si aggiravano tra i terreni con sacchi pieni di castagne, verosimilmente rubate. 

Ma è qui che è accaduto l'incredibile. Dopo che le castagne sono state restituite ai legittimi proprietari, questi si sono rifiutati di procedere con la dovuta denuncia, "vanificando ed avvilendo, in tal modo, il grande lavoro delle forze dell’ordine", fanno sapere dall'amministrazione comunale.

"Per la prima volta nella storia, abbiamo attivato un servizio di vigilanza capillare, all’avanguardia ed un pronto-intervento H24 su chiamata, ma a che pro, se poi non si porta a termine la procedura con la denuncia?", è la domanda amara del sindaco.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento