rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Aversa

Decine di colpi nelle case, Natale di paura nell'agro aversano. E c'è chi pensa all'esercito

Il sindaco di Sant'Arpino vuole i militari, il collega di Cesa invita a tenere le luci accese anche di notte. Ed anche a Parete si segnalano problemi

Intere comunità sotto scacco. Con colpi notturni (ma anche diurni) messi a segno a velocità della luce. Decine di richieste di interventi alle forze dell'ordine, ma molto spesso quando carabinieri e polizia arrivano sul posto i malviventi sono già riusciti a scappare. C'è un intero agro aversano che è letteralmente in preda ad un gruppo di topi di appartamento che stanno 'toccando' tutti i Comuni, dalla città di Aversa fino al piccolo comune di Cesa, passando per Sant'Arpino, Frignano e Parete. Ma, ad oggi, nessun territorio può dirsi tranquillo perché questi malviventi si stanno muovendo ad ampio raggio e i furti in casa si stanno praticamente raddoppiando giorno dopo giorno.

Il primo a muoversi per 'combattere' questo fenomeno è stato il sindaco di Sant'Arpino, Giuseppe Dell'Aversana, che prima si è recato dai carabinieri per denunciare i vari colpi in casa e poi nelle scorse ore ha inviato una missiva al Prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, chiedendo la presenza in strada dei militari dell'esercito. "Non possiamo più fare finta di nulla - ha detto il sindaco Dell'Aversana - e bisogna intervenire per dare risposte anche ai cittadini. Ho chiesto al Prefetto di inviare i militari a Sant'Arpino per tutelare la pubblica e privata incolumità". Il primo cittadino ha riferito al Prefetto della "forte intensificazione di furti e tentativi di scasso negli appartamenti del comune di Sant'Arpino. I miei concittadini sono profondamente impauriti da quest'ondata di furti che nel corso delle ultime settimane ha interessato tutto il nostro territorio, ormai non passa giorno che una casa non venga derubata o non ci sia un tentativo di scasso per entrare, con spavento e danno enorme ai cittadini".

"I ladri non si fanno scrupolo di entrare anche con la presenza di persone in casa e rubano non solo in quartieri di periferia ma anche abitazioni dentro condomini o nel centro del paese. I carabinieri della locale stazione, stanno profondendo uno sforzo notevole per controllare il territorio nell'ambito dei mezzi e delle risorse in dotazione, anche i vigili urbani sono in azione per servizi di pattugliamento, ma i malviventi continuano a seminare panico e terrore nella popolazione. I furti non sono diminuiti. Alla luce di tanta recrudescenza, facendomi interprete del grido di allarme che giunge dai miei concittadini, vi chiedo, a nome della mia popolazione, di valutare la possibilità di chiedere anche la presenza dell'esercito in strada, in via emergenziale, per un tempo limitato, al fine di controllare meglio il territorio ed impedire che in qualche tentativo di furto con persone in casa possa accadere qualcosa di irreparabile. Sicuro di un vostro positivo riscontro porgo distinti saluti".

Dopo ben 4 colpi messi a segno in una sola giornata a Cesa anche il sindaco Enzo Guida ha deciso di fare un appello ai propri concittadini: "Facendo seguito agli ultimi avvenimenti registrati in paese, con diversi tentativi di furti in abitazione, dopo un confronto con la locale Stazione dei Carabinieri di Cesa, viste le modalità di queste azioni, si consiglia di tenere le luci esterne delle abitazioni accese, anche se in casa, appena tramonta il sole".

Nelle scorse ore ci sono stati anche numerosi tentativi di furto anche a Parete, sia nelle zone periferiche che sul corso principale, oltre che un tentativo di furto nel deposito merci del supermercato Simonelli Group di Frignano.

Una vera e propria escalation di colpi e tentati furti che sta incutendo paura, con le richieste di aiuto che ormai arrivano da tutti i territori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decine di colpi nelle case, Natale di paura nell'agro aversano. E c'è chi pensa all'esercito

CasertaNews è in caricamento