menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio al vice questore aggiunto Schettino: lacrime e dolore ai funerali

Presenti i questori di Caserta e Napoli oltre ai sindaci di Marcianise ed Aversa

Una Pasqua di dolore a Marcianise dove in mattinata si sono celebrati i funerali del dirigente di Polizia Luigi Schettino, originario di Aversa e residente a Marcianise, attualmente in servizio presso il commissariato di Torre Annunziata.

Schettino si è dovuto arrendere al Covid a soli 43 anni. Lascia la moglie Rosa Assunta, il cui dolore è inconsolabile, e due piccoli gemelli. Per l'ultimo saluto al cimitero di Marcianise c'era - con il cappellano della Polizia - una piccola folla di parenti, di amici e di colleghi. Presenti, tra gli altri, il questore di Napoli Alessandro Giuliano e quello di Caserta, Antonio Borrelli, con numerosi esponenti della Polizia di Stato di diversi uffici dove il dottore Schettino aveva prestato servizio, per ultimo con il grado di vice questore aggiunto.

Presenti, inoltre, il sindaco di Marcianise Antonello Velardi ed il sindaco di Aversa, città d'origine del giovane dirigente, Alfonso Golia. La figura di poliziotto è stata invece tratteggiata dal questore Giuliano che ha portato il cordoglio personale del Capo della Polizia. 

Anche la polizia di Stato ha ricordato Schettino. "Luigi era stato uno dei "ragazzi" di Don Giuseppe Diana, il sacerdote ucciso dalla Camorra, da cui aveva appreso l'impegno verso la sua terra e gli ideali di giustizia e onestà. Dopo l'uccisione del Parroco anticamorra aveva maturato il sogno di diventare poliziotto per combattere la criminalità e donare un futuro migliore alla sua amata Campania e ai giovani di quella regione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento