menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E' finita dopo 14 giorni la fuga dell'evaso: si nascondeva a casa del fratello

Il blitz scattato nella notte dopo aver individuato l'auto utilizzata per scappare

E’ terminata dopo 14 giorni la fuga di T. C. I., il 31enne rumeno evaso lunedì 5 ottobre da Caiazzo, dov'era detenuto in regime di detenzione domiciliare per reati contro il patrimonio, e che era stato inseguito anche tra Capua, Pignataro Maggiore e Vitulazio. 

Il 31enne era scappato dalla caserma di Capua dove era stato condotto in seguito ad un arresto per rapina eseguito lo stesso 5 ottobre dai carabinieri di Vitulazio quando, nonostante fosse ai domiciliari, si era allontanato dalla propria abitazione ed aveva rapinato una donna di Bellona. 

E’ stato ritrovato dai carabinieri della stazione di Vitulazio con l'ausilio dei colleghi della sezione radiomobile della compagnia di Capua a casa del fratello a Pastorano. Verso le 2 nella notte tra domenica e lunedì i militari hanno rintracciato l'auto sulla quale il fuggitivo si spostava, una Fiat Panda risultata essere provento di un furto commesso a Prato ieri. La vettura è stata notata in sosta presso l'abitazione del congiunto. T. C. I ha capito di essere accerchiato dai militari ed ha comunque cercato di darsi alla fuga ma è stato prontamente fermato e tratto in arresto dai carabinieri e tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Nel corso di una perquisizioni i carabinieri hanno rinvenuto nella sua disponibilità un paio di forbici e la somma di 330 euro.

Dovrà rispondere di evasione, ricettazione, rapina e resistenza a pubblico ufficiale. Già durante la fuga da Caiazzo si rese responsabile della rapina di una vettura, un'Alfa Romeo 147.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linea bloccata sulla Roma-Napoli, centinaia di pendolari "appiedati"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento