Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

La tragedia del Frecciarossa: 5 indagati, effettuata l'autopsia sui corpi delle vittime

I tecnici e gli investigatori infatti dovranno chiarire come mai il sistema di rilevamento non abbia ricevuto una segnalazione di 'svio' ma l'abbia ricevuta di binari 'per dritto'

Il treno Fracciarossa deragliato

Proseguono spedite le indagini del Nucleo operativo incidenti ferroviari della Polfer sul tragico incidente avvenuto nella mattinata di giovedì 6 febbraio che visto il treno Frecciarossa Av 9595, partito da Milano Centrale alle 5,10 e diretto a Salerno, deragliare e provocare la morte di Giuseppe Cicciù, 52enne nato a Reggio Calabria, e Mario Dicuonzo, 59 anni, di Capua. 

Indagati e destinati ad un incarico in ufficio i 5 dipendenti della Rete Ferroviaria Italiana che lavorarono allo scambio ferroviario che ha causato il deragliamento. Al centro delle indagini della Polfer c'è appunto la mancata segnalazione al sistema elettronico di sicurezza dello scambio in 'svio'. I tecnici e gli investigatori infatti dovranno chiarire come mai il sistema di rilevamento non abbia ricevuto una segnalazione di 'svio' ma l'abbia ricevuta di binari 'per dritto', altrimenti avrebbe fermato il treno molti chilometri prima.

Oggi "è stata, inoltre, effettuata l'autopsia sui corpi dei macchinisti deceduti, per rendere disponibili al più presto le salme e consentire lo svolgimento delle esequie": a comunicarlo in una nota è la Procura di Lodi.

Intanto la polizia scientifica ha recuperato l'hard disk delle telecamere che da mesi erano state posizionate sul perimetro della stazione dove il treno Frecciarossa Av 9595 ha finito la sua corsa: da quanto è emerso il deragliamento è avvenuto alle 5,35 lungo la linea Milano-Bologna all'altezza di Ospedaletto Lodigiano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tragedia del Frecciarossa: 5 indagati, effettuata l'autopsia sui corpi delle vittime

CasertaNews è in caricamento