rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
CasertaNews

Opinioni

CasertaNews

Redazione CasertaNews

Finisce fuga del boss del clan Belforte Alessandro Menditti: catturato a Recale

Recale - Alle 22,15 di ieri 25 marzo è stato catturato Alessandro Menditti, il detenuto evaso lo scorso 18 marzo dalla casa di reclusione di Frosinone. Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, in codelega con i Carabinieri, lo...

Alle 22,15 di ieri 25 marzo è stato catturato Alessandro Menditti, il detenuto evaso lo scorso 18 marzo dalla casa di reclusione di Frosinone. Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, in codelega con i Carabinieri, lo ha catturato a Recale, in provincia di Caserta, suo comune di origine. Al momento dell’arresto Menditti, 44 anni, era disarmato e non ha opposto resistenza. Insieme a Menditti aveva tentato la fuga il suo compagno di stanza Ilirjan Boce, rimasto ferito nel tentativo di scavalcare il muro di cinta. Sono in corso le indagini da parte del NIC per accertare eventuali complici dell’evasione. L'operazione è stata condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, coordinati dal tenente colonnello Nicola Mirante. Le ricerche culminate nell'arresto hanno visto al lavoro in sinergia la compagnia di Santa Maria Capua Vetere, diretta dal capitano Emanuele Macrì, e le stazioni di Macerata Campania e Santa Maria, guidate rispettivamente dai marescialli capo Baldassare Nero e Mario Iodice.

Era evaso nella notte del 18 marzo dal carcere di Frosinone ed era ricercato in tutta Italia: si tratta del camorrista Alessandro Menditti di Recale, in provincia di Caserta. Arrestato nel 2012 dalla squadra mobile deve scontare una pena fino al 2026. L'uomo ritenuto appartenente al clan Belforte, era riuscito a dileguarsi dopo aver praticato, insieme a un complice, un foro nel muro della sua cella.

Si parla di

Finisce fuga del boss del clan Belforte Alessandro Menditti: catturato a Recale

CasertaNews è in caricamento