rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Aversa

Da Pippo a ‘Ciccio il consulente’: ecco la cricca che ha nascosto 52 milioni

Il capo è casertano e guidava un nucleo di una quindicina di persone

Aggiornamento del 4 dicembre 2023. Ore 11,51

Il gip Federica Colucci del tribunale di Napoli in data 16 ottobre ha disposto l'archiviazione del procedimento nei confronti di Federica Campopiano e Francesco Lombardi. 
_________________________________________________________________

Un "nucleo" di una quindicina di persone gestiva l'associazione fraudolenta operativa in tutta Italia, smantellata dalla Guardia di Finanza di Varese coordinata dalla procura di Napoli, con 65 indagati e sequestri per 52 milioni di euro, ma il vertice era in Campania.

Come riporta NapoliToday, il capo secondo gli inquirenti era Giuseppe Oliva, 50 anni di Aversa (Caserta). É lui, conosciuto come "Pippo", secondo le Fiamme Gialle, ad aver organizzato e promosso il sodalizio criminale "a dirigere l'intero processo di formazione e successiva creazione di crediti fittizi", si legge nelle carte giudiziarie, "di società risultate cartiere". A preparare la documentazione falsa necessaria per le fatture fittizie, era il suo braccio destro, Antonio Lombardi, 69 anni di Orta di Atella, oltre ad essere il legale rappresentate di una delle società usate nel raggiro, la 'Winner srl'.

Insieme con lui, negli uffici della 'Credimatto', ai documenti falsi lavorava anche Federica Campopiano, 22enne di Napoli, la quale predisponeva anche "false domande di finanziamento in favore di soggetti terzi", scrivono i pm partenopei, e gestiva il denaro "destinato ai consulenti e professionisti coinvolti nel sistema delittuoso", oltre a gestire i rapporti tra consulenti e Oliva.

Ad aiutarla era anche Francesco Lombardi, alias "Ciccio", 34enne di Napoli, che a sua volta preparava documenti fasulli e dava "consigli tecnici e soluzioni operative strumentali al perfezionamento delle condotte fraudolente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Pippo a ‘Ciccio il consulente’: ecco la cricca che ha nascosto 52 milioni

CasertaNews è in caricamento