Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Castel Volturno

Rapine alle Poste, figlio del ras dei Casalesi spedito ai domiciliari

Il gip Ciollaro del tribunale di Napoli ha accolto l'istanza del legale Letizia della sostituzione della misura custodiale per il 22enne di Castel Volturno

Arresti domiciliari per Alessio Taurino, 22enne di Castel Volturno figlio di Ciro Taurino alias Ciruzz' e Pescopagan, ras del Casalesi per il litorale castellano.

E’ quanto disposto dal gip Maria Laura Ciollaro del tribunale di Napoli dopo aver accolto l’istanza di sostituzione della misura avanzata dal legale del 22enne, l’avvocato Ferdinando Letizia. Taurino, ristreto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere, è stato accusato insieme a Francesco Flessigno, 45enne di Marano, di due tentate rapine e una rapina consumata a mano armata perpetrate ai danni di uffici postali di Caserta e Villa Literno dopo le indagini svolte dalla Polizia di Stato - Squadra Mobile e dalla compagnia carabinieri di Caserta.

Nel mese di gennaio 2023 partì l'attività investigativa degli inquirenti a seguito della rapina realizzata il 25 gennaio 2023 nell’ufficio Postale sito a Caserta in via Ferrarecce. Alcuni soggetti travisati si erano introdotti all’interno dell’ufficio e, sotto la minaccia di una pistola, si erano fatti consegnare dalla direttrice, parte dell’incasso. L’indagine consentí di individuare i responsabili dell' assalto armato. Il prosieguo dell’attività investigativa poi portò ad accertare la responsabilità dei rapinatori in altre due tentate rapine a mano armata agli uffici postali verificatesi rispettivamente il 23 gennaio 2023 a Caserta in via Fabricat e il 7 febbraio 2023 a Villa Literno. In queste circostanze i due malviventi, armati e travisati, si erano introdotti all’interno degli uffici postali non riuscendo, tuttavia, a portare a termine il “colpo”.

La difesa ha fatto emergere che l’imputato ha prestato il consenso all’applicazione del braccialetto elettronico e che per recidere ogni legame con i contesti criminali castellani ha indicato un domicilio fuori regione (Lecce). Il gip considerate attenuate le esigenze cautelari e le volontà manifestate dal detenuto ha concesso la sostituzione della misura cautelare del carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari fuori regione con l’applicazione del braccialetto elettronico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine alle Poste, figlio del ras dei Casalesi spedito ai domiciliari
CasertaNews è in caricamento