rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Orta di Atella

La figlia di Brancaccio rompe il silenzio: "Lo difenderò fin quando potrò"

La città divisa dopo la condanna all'ex sindaco a 8 anni

Orta di Atella si è divisa. Dopo la condanna ad 8 anni di carcere dell'ex sindaco Angelo Brancaccio, sui gruppi social (sempre molto animati) della città atellana si sono sprecati i commenti di chi era contro o a favore del politico. E nella discussione è entrata anche la figlia dell’ex sindaco, Tania Brancaccio, che ha deciso di 'rompere' il lungo silenzio sulla delicata vicenda del padre per dire la sua.

"Vivo ad Orta e voglio rimanerci. È qui che probabilmente cresceranno i miei figli e non posso che augurare al paese il meglio. Il popolo di Orta davvero lo merita, a noi ha dato sempre tanto rispetto, soddisfazioni ed amicizia (alcune erano finalizzate solo ad ottenere qualcosa ma non fa nulla). E non penso che sia un popolo marcio né incapace di intendere e di volere come qualcuno scriveva. Questo popolo è più intelligente di quanto immaginiamo e saprà fare le sue valutazioni che vanno sempre rispettate. Con umiltà e dignità continueremo ad affrontare questa vicenda. Da figlia continuerò a difendere mio padre fin quando potrò perché mi ha trasmesso tanti valori dei quali gli sarò sempre grata. Qualche offesa di troppo magari poteva essere risparmiata ma abbiamo spalle forti a casa mia, è nel Dna. Ora torno nel mio religioso silenzio perché la priorità resta tutelare la famiglia. Sono una figlia innamorata del proprio padre e qualche battuta credo mi sia concessa. Auguro a tutti una buona serata con l’augurio che il 2018 regali a tutti noi serenità e quiete che meritiamo in fondo".

La discussione ad Orta di Atella è collegata soprattutto sul fatto che solo Brancaccio stia 'pagando' le conseguenze giudiziarie che hanno visto coinvolto, secondo alcuni, anche altri amministratori che oggi sono ancora sulla scena politica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La figlia di Brancaccio rompe il silenzio: "Lo difenderò fin quando potrò"

CasertaNews è in caricamento