Fidanzatini picchiati e rapinati: 5 colpi messi a segno dalla banda

Proseguono le indagini per risalire agli altri componenti del commando sfuggiti al blitz

Le rapine alle coppiette

Sono almeno 5 le rapine ai danni di coppie di giovani appartati in luoghi isolati nell'agro aversano commesse dalla "banda delle coppiette". E' quanto emerge dal blitz avvenuto nella notte nei pressi del campo sportivo di Trentola Ducenta che ha portato all'arresto di un 21enne albanese incensurato.

Fidanzatini picchiati e rapinati

Intorno alle 2 di notte alla centrale operativa del 112 arriva una segnalazione da San Marcellino. Un'altra coppietta era stata rapinata, stavolta nei pressi del cimitero. Il modus operandi era lo stesso degli altri episodi già denunciati alle forze dell'ordine dall'inizio di giugno. Una Jeep Renegade aveva affiancato l'auto, avevano infranto i vetri e riempito di botte i due fidanzatini. Poi avevano preso loro tutto quanto in loro possesso. 

Il blitz

Immediate le ricerche avviate con i carabinieri della compagnia di Aversa, in collaborazione con le stazioni di Trentola, Lusciano e Frignano, che hanno iniziato a monitorare le zone frequentate dagli innamorati. La scena si ripropone nei pressi del campo sportivo di Trentola Ducenta. La 'solita' Jeep arriva, si affianca ad un'altra auto. I carabinieri intuiscono che da lì a breve potrebbe verificarsi un'altra rapina. Intervengono ed hanno ragione. I banditi, almeno 4 persone, si dileguano inseguiti dai militari. Uno di loro viene fermato. Era entrato in azione coprendosi il volto con una maglietta e viene riconosciuto dalle due vittime di San Marcellino. Gli altri, sfortunatamente, riescono a scappare. I carabinieri sequestrano l'auto utilizzata dalla banda, risultata anch'essa rubata, oltre a mazze e guanti rinvenuti al suo interno. Per il 21enne albanese si aprono le porte del carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commando ha le ore contate

Come detto, sono almeno 5 i colpi messi a segno dalla banda tra cui quello ai danni della responsabile della comunicazione del Coc di Trentola Ducenta Antonella Coviello. Nelle scorse settimane erano stati i sindaci di Villa di Briano e Frignano a lanciare l'allarme invitando i giovani ad evitare di appartarsi in luoghi isolati. Poi il commissario Andrea Contadori di Trentola Ducenta che oggi esprime soddisfazione per l'operazione dei carabinieri: "Detto e fatto. Arrivano buone notizie sui malviventi rapinatori che nella notte fra venerdì e sabato hanno derubato e alzato le mani sulla Responsabile della Comunicazione del Coc di Trentola Ducenta Antonella Coviello. La criminalità, di qualunque genere, finisce sempre per pagare i suoi conti", si legge in una nota. Intanto le indagini continuano per rintracciare anche gli altri componenti del commando ed assicurarli alla giustizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento