rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Fatture false, un business illegale da oltre 2 milioni di euro

L’operazione ha portato al sequestro di 5 complessi aziendali con 4 persone in manette

Operazioni di trasporto di materiale inerte sospette hanno portato all’individuazione di una vera e propria filiera societaria fraudolenta che ha realizzato un vorticoso giro di fatture soggettivamente false, dal 2018 al 2021, arrivando ad evadere oltre 2 milioni di euro di imposte. Da qui è scattata l’operazione che questa mattina ha portato al sequestro di 5 complessi aziendali, con 4 persone in manette, sigilli a beni per oltre due milioni di euro, 44 perquisizioni su tutto il territorio nazionale: Venezia, Ferrara, Forlì, Roma, Chieti, L’Aquila, Caserta, Napoli e Messina.

I reati contestati sono sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e trasferimento fraudolento. Disposto inoltre il sequestro di  2.183.474, pari al profitto delle ipotesi di reato di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

L’indagine nata dall’approfondimento di documentazione acquisita presso numerosi soggetti economici da parte della guardia di finanza, ha permesso di accertare (allo stato sotto il profilo della gravità indiziaria) che una società con sede nella provincia di Rimini, amministrata di fatto da un soggetto gravato da precedenti penali e carichi pendenti per reati tributari, operante nel settore del trasporto di merci su strada e commercio all’ingrosso di materiali da costruzione, negli anni d’imposta dal 2018 al 2021 ha annotato in dichiarazione elementi passivi fittizi derivanti dall’utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti, emesse da ditte individuali e società con sede legale nelle province di Ferrara, Rimini, Roma, Chieti, Caserta e Napoli, per un imponibile complessivo di circa 5 milioni di euro.

Inoltre, le investigazioni hanno permesso di accertare (allo stato sotto il profilo della gravità indiziaria) che il medesimo soggetto, al fine di eludere le misure di prevenzione patrimoniali a cui poteva fondatamente presumere di essere sottoposto e di sottrarsi fraudolentemente al pagamento delle imposte, ha intestato fittiziamente a terzi le quote ed i beni strumentali di 5 società con sede nella provincia di Rimini oltre che ad un immobile ubicato nella provincia di Rimini.

L’attività di servizio in rassegna testimonia ancora una volta l’elevata attenzione della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica che continua a essere rivolta all’individuazione e alla conseguente aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamente accumulati, allo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, trasparenza e sicurezza pubblica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatture false, un business illegale da oltre 2 milioni di euro

CasertaNews è in caricamento